opening-skew

Torna indietro

masking

L’Earth Day diventa digital e conquista i media

In un momento in cui ci troviamo tutti chiusi in casa e dunque lontani dalla natura e dalle sue meraviglie, la Giornata Mondiale della Terra acquisisce un significato ancora più profondo e si pone al centro dei palinsesti e di molte iniziative multimediali.

Il 50° anniversario dell’Earth Day giunge in un momento di grave emergenza per l’essere umano e per il mondo che conosciamo, e non fa che accentuare l’importanza di politiche sempre più attente alla tutela del fragile equilibrio ambientale e alla lotta al climate change.

Come si celebra quest’anno la Giornata della Terra?

Voluto dalle Nazioni Unite per spronare paesi e cittadini ad impegnarsi per la salvaguardia del pianeta, l’Earth Day, originariamente pensato per riunire nelle piazze di tutto il mondo persone accomunate dall’impegno a favore del pianeta, diventa quest’anno un appuntamento in chiave totalmente digitale.

Sebbene a causa del lockdown questo importante anniversario venga celebrato dentro le mura di casa, non si tratta di una ricorrenza sottotono. Sono infatti numerose le iniziative promosse dalle associazioni in prima linea nella causa ambientale.

  • Legambiente lancia il flash mob virtuale #Abbracciamola. Noi torneremo ad abbracciarci presto. Lei ha bisogno di noi. Anche ora”, invitando tutti a condividere una foto in cui si abbraccia virtualmente la Terra, un piccolo gesto di affetto dal valore simbolico verso il pianeta, per tenere alta l’attenzione anche in questo momento difficile, su quanto sia importante la sua cura.
  • Treedom promuove invece un’azione collettiva attraverso un video, online dal 15 aprile, che celebra sia la natura che l’importanza di compiere insieme tanti piccoli gesti per contribuire a rendere il mondo un posto migliore. L’impegno di Treedom è di piantare un albero per ogni 1000 visualizzazioni raggiunte dal video, così da rendere il nostro pianeta un luogo più verde. 

Ma quest’anno, per garantire comunque la partecipazione di tutti all’Earth Day senza uscire di casa, a fare la parte del leone sono i media che hanno scelto di mettere al centro della loro programmazione la salvaguardia del pianeta.

Dove seguire l’Earth Day sui media?  

Quest’anno più che mai, le celebrazioni della Giornata Mondiale della Terra dominano la scena non soltanto sui canali storicamente dedicati ai temi ambientali come National Geographic o Discovery Channel, ma anche su emittenti generaliste e sui più noti servizi in streaming Da RAI a NETFLIX passando per SKY, tutte le piattaforme media sono accomunate da proposte dedicate al tema del giorno. 

In particolare, la maratona multimediale #OnePeopleOnePlanet , promossa da Earth Day Italia viene trasmessa integralmente in streaming su RaiPlay, con un palinsesto live di 12 ore (dalle 8 alle 20), proponendo contenuti di alto valore culturale, di forte impatto mediatico e che richiamano tutti all’unità tra i popoli.

Numerosi i numerosi programmi di Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rai News e Rai Ragazzi che contribuiranno a questa staffetta mediatica, oltre ad emittenti TV e radio come Vatican Media; TV2000; Radio Italia; Nsl Crossmedial Studios; Rinnovabili.it, Lifegate, Radio Rai. La maratona online sarà animata da interventi, approfondimenti, testimonianze, performance e campagne, con collegamenti a programmi radio televisivi.

Anche il colosso SKY ha messo lo speciale anniversario al centro del suo palinsesto: durante tutta la settimana infatti – dal 20 al 26 aprile – su Sky Arte, Sky Cinema, National Geographic, Discovery Science, laF e i canali per bambini DeA Junior e Cartoon Network vengono trasmessi programmi selezionati per l’occasione, disponibili anche on demand.

Non resta certo a guardare Netflix che ha reso disponibili gratuitamente, sul proprio canale Youtube, alcuni documentari, tra cui “Il nostro pianeta”, serie britannica di documentari naturalistici prodotta da Silverback Films, in collaborazione con il WWF.

L’ampio spazio dedicato dai media al 50° anniversario dell’Earth Day in questa particolare circostanza vuole richiamare l’attenzione di tutti su come le grandi emergenze possano e debbano rappresentare uno spunto e un incentivo ad impegnarsi sempre più per affrontare con ancora maggiore impegno e senso di responsabilità le sfide in ambito ambientale. 

Articolo di Giulia Serazzi

 

Condividilo su:

closing-skew

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skewed-grey-square

SEI UN'AZIENDA?

SEI UN CANDIDATO?

SEI UN GIORNALISTA O UN BLOGGER?

Vuoi migliorare gli effetti della tua comunicazione e gli impatti sul tuo business?

Non aspettare. Contattaci ora.

Ho preso visione dell'Informativa privacy (riportata nel link in calce) fornita ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (UE) n. 2016/679 relativa al trattamento dei miei dati personali da parte di Sound Public Relations Srl e, consapevolmente:


al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate.

Informativa Privacy

Sei intraprendente, proattivo, orientato ai risultati e cerchi un contesto in cui crescere e sviluppare i tuoi talenti?

Unisciti al nostro team. Consulta le posizioni aperte e inviaci il tuo CV.

Carica il tuo Curriculum Vitae (Max 1MB)


Ho preso visione dell'Informativa privacy (riportata nel link in calce) fornita ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (UE) n. 2016/679 relativa al trattamento dei miei dati personali da parte di Sound Public Relations Srl e, consapevolmente:


al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate.

Informativa Privacy

Vuoi saperne di più su Sound PR e/o sui nostri clienti?

Non aspettare. Contattaci ora.

Ho preso visione dell'Informativa privacy (riportata nel link in calce) fornita ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (UE) n. 2016/679 relativa al trattamento dei miei dati personali da parte di Sound Public Relations Srl e, consapevolmente:


al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate.

Informativa Privacy