opening-skew
masking

“Italy in a day”: con il social movie siamo tutti… protagonisti.

Sabato sera (27 settembre) su Rai Tre è andato in onda “Italy in a Day”, il documentario del grande regista Gabriele Salvatores presentato al Festival del Cinema di Venezia.

Non un documentario tradizionale bensì il primo esperimento di “social movie” nazionale: la produzione ha infatti chiesto agli italiani di filmare la giornata del 26 ottobre 2013 dal loro punto di vista, raccontando dunque le proprie, personalissime, 24 ore.

La partecipazione a questo progetto è stata eccezionale: la Produzione ha infatti ricevuto 44.197 video, per un totale di 2.200 ore di girato.

Dopo un lungo lavoro di selezione, il risultato è un montato di 75 minuti, che censiscono gli umori e i pensieri degli italiani, un “selfie” collettivo racconta sogni, pensieri, paure e progetti degli italiani in un momento difficile del nostro paese.

L’evento ha riscosso anche un notevole successo di pubblico, con 1.896.000 spettatori e l’8.8% di share. Non solo spettatori ma partecipanti attivi anche sui social network: #italyinaday è infatti rimasto per diverse ore tra i trend topics di Twitter, raccogliendo commenti in diretta da parte di migliaia di utenti.

Indubbiamente i social network hanno contribuito al successo di questo esperimento: l’abitudine a raccontarsi attraverso tali canali ha infatti radicalmente modificato il ruolo dell’utente/consumatore/spettatore che non è più semplice “ricevente” del messaggio, ma è ormai a tutti gli effetti coinvolto reattivamente e proattivamente nel processo di comunicazione, in uno scambio che prevede riscontri e reazioni in tempo reale spesso condivisi con migliaia o anche milioni di persone.

Questo aspetto rappresenta uno spunto di riflessione importante per chi decide di rivolgersi al pubblico, poichè influenzerà sempre di più le strategie e gli strumenti utilizzati per comunicare con il target di riferimento.

La volontà e il desiderio di partecipazione attiva rappresentano una forza positiva straordinaria per la nascita di nuovi progetti, la condivisione di esperienze, l’arricchimento del network sociale, ma determinano altresì nuovi trend di comportamento e di consumo che vanno analizzati ed interpretati correttamente dalle aziende (e più in generale dai comunicatori), al fine di rivoluzionare i processi di interazione tradizionale a favore di un nuovo rapporto più complesso ma, indubbiamente, più equilibrato.

Author: Giulia Serazzi, Account Manager, Sound PR

Condividilo su:

Facebook
Twitter
closing-skew
Skewed-grey-square

SEI UN'AZIENDA?

SEI UN CANDIDATO?

SEI UN GIORNALISTA O UN BLOGGER?

Vuoi migliorare gli effetti della tua comunicazione e gli impatti sul tuo business?

Non aspettare. Contattaci ora.

Ho preso visione dell'Informativa privacy (riportata nel link in calce) fornita ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (UE) n. 2016/679 relativa al trattamento dei miei dati personali da parte di Sound Public Relations Srl e, consapevolmente:


al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate.

Informativa Privacy

Sei intraprendente, proattivo, orientato ai risultati e cerchi un contesto in cui crescere e sviluppare i tuoi talenti?

Unisciti al nostro team.

Carica il tuo Curriculum Vitae (Max 1MB)


Ho preso visione dell'Informativa privacy (riportata nel link in calce) fornita ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (UE) n. 2016/679 relativa al trattamento dei miei dati personali da parte di Sound Public Relations Srl e, consapevolmente:


al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate.

Informativa Privacy

Vuoi saperne di più su Sound PR e/o sui nostri clienti?

Non aspettare. Contattaci ora.

Ho preso visione dell'Informativa privacy (riportata nel link in calce) fornita ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (UE) n. 2016/679 relativa al trattamento dei miei dati personali da parte di Sound Public Relations Srl e, consapevolmente:


al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate.

Informativa Privacy